Veramente le splendide montagne delle valli altoatesine vengono dal mare?

Perché nei musei sparsi per le Dolomiti sono esposti conchiglie, ricci e varie specie di coralli marini? Non ci sarebbe nulla di male se nell’indicazione della provenienza fosse elencata qualche località di mare. Invece qua e là solo nomi famosi di montagne e sorge un dubbio…

Il mistero dei “monti pallidi” (il nome scelto dai Ladini per le loro montagne) è riassunto sapientemente in un video scritto e diretto da Rolando Menardi e caricato su You Tube nel 2009, anno in cui le Dolomiti vengono dichiarate Patrimonio dell’Umanità.

Il video nasce da una collaborazione tra le Provincie autonome di Bolzano e Trento, le province di Belluno, Udine e Pordenone e la Regione Autonoma Friuli-Venezia-Giulia e il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Ancora oggi rimaniamo incantati di fronte allo scenario dolomitico. Le forme bizzarre, le infinite sfumature di colore di cui si tingono le montagne, sanno a volte emozionarci a tal punto da rapirci e trasportarci in un mondo surreale. Il mistero della loro bellezza si nasconde nel mare.

 

Annunci