You are currently browsing the tag archive for the ‘bruscandoli’ tag.

Tra una pioggia e l’altra la primavera sfoggia tutte le sue armi di seduzione. Ed io, come ogni anno in questa stagione, mi faccio cogliere dalla voglia sfrenata di “andar per erbe”.

Tra i fiori, il profumo di natura e il cinguettio degli uccellini che impazziscono per amore.

Non è facile riconoscerle e sono complicate da pulire. Hai idea però del valore prezioso che può avere un piatto preparato con cura e passione primaverili?

In questa stagione i prati e i sentieri pullulano di erbe spontanee e fiori.
I ristoranti dell’Alto Adige propongono delicate ed innovative ricette a base di tarassaco, asparagi selvatici ed altre prelibatezze di campo. Qua e là primule, lavanda e viole.

In primavera, tra marzo, aprile e maggio si possono raccogliere:

  • Asparago selvatico: Ottimo lessato come il classico asparago e accompagnato a salsa bolzanina;
  • Radichella di campo (cioè la pianta giovane del tarassaco o dente di cane): dal sapore amarognolo, si gusta cotta o in insalata, condita con olio, aceto e sale;
  • Bruscandoli (ossia i germogli di luppolo): nel risotto, nelle frittate oppure saltati in padella;
  • Le foglie tenerelle dei ciocárin (erba schioppettina): dal sapore dolce, lessate e saltate in padella con aglio o cipolla, parmigiano, oppure nei canederli o nel ripieno degli Schlutzer.